Corso di Guida Sicura: imparare divertendosi a Misano

corso di guida sicura

Lo scorso 14 Luglio ho partecipato, insieme ovviamente al mio moroso, ad un Corso di Guida Sicura indetto dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale e  Neopatentati.it all’interno del Circuito di Misano Adriatico, presso la scuola Guidare&Pilotare BMW Driving Experience.

La cosa veramente interessante di questo corso, oltre all’essere altamente utile e formativo?

E’ GRATUITO fino ai 26 anni inclusi!!! Per tutti.

GuidarePilotare Corso Guida Sicura

Il corso prevede 8 ore di formazione divise in 4 teoriche in aula e 4 pratiche in pista alternate, mirate ad affrontare le situazioni di pericolo più comuni e insegnare ai partecipanti le tecniche migliori e gli atteggiamenti da tenere in caso di necessità ed emergenza.

Vediamo dunque come si è svolta la nostra giornata al circuito.

Dopo la registrazione alla reception veniamo divisi in vari gruppi e ci viene consegnata una scheda SD per le riprese durante le prove pratiche di guida, una per ciascun partecipante.

Durante la giornata faremo in ordine, 2 prove pratiche seguite dalla lezione teoria, pausa pranzo, altra lezione teoria e poi le ultime 2 prove pratiche.

LEZIONI TEORICHE

Già leggendo la parola “teoriche” qualcuno di voi, magari il più giovane, si starà mettendo le mani nei capelli della seria “Teoria?? in un aula?? No ma che palle! Chissà che noia!”. Beh sai che ti dico? Ti sbagli!

Le lezioni teoriche sono programmate per essere oltre che utili e quindi d’insegnamento, anche interessanti e mai noiose, con l’alternarsi di spiegazioni, visioni di filmati e interazione. Vi verrano fornite spiegazioni, esempi, e delucidazioni. Cosa ancora più interessante, gli esempi reali, con filmati raffiguranti incidenti veri, nei quali potrete cimentarvi e capirne la causa.

LEZIONI PRATICHE

Veniamo suddivisi in piccoli gruppetti e assegnati a delle prove.

– EVITAMENTO OSTACOLO

La nostra prima prova sarà l’Evitamento Ostacolo: figata!

evitamento ostacolo

Ci avviamo alla postazione dove, dopo una breve introduzione, saliamo in macchina. Si inizia con dei giri di circuito a velocità normale per dare modo all’istruttore di fare un check della nostra guida che comprende posizioni mani sul volante, piedi sui pedali, cambio ed altre piccolezze che a cui noi non ci faremmo mai caso, ma loro. Sono degli esperti. Nel caso venissero riscontrati delle incorettezze vi verrà mostrato come fare meglio e come correggervi.

Si parte con la prova! Lungo il rettilineo, su cui sto viaggiando a veloccità sostenuta, mi si apre un muro d’acqua che devo evitare sterzando ma senza lasciare l’acceleratore. D’istinto tolgo il pedale dall’accelerazione e patatrac.. inizio a sbandare. Altro giro. Sta volta oltre che a togliere il piede dall’accelaratore premo pure istintivamente quello del freno. Disastro. Peggio di prima. Altro giro ancora. Sta volta va tutto liscio, schivo l’ostacolo senza alcun problema e la macchina continua il suo percorso, stabile.

L’obiettivo di questo “percorso” è proprio quello di mostrare come istintivamente a volte si facciano le cose sbagliate. Schivando all’ultimo un ostacolo e quindi sterzando di colpo, sbilanciate il peso dell’auto sull’asse orizzontale, e decelerando, o peggio ancora, frenando, la destabilizzate anche verticalmente rendendo il tutto un vero casino per la macchina che rischia quindi di sbandare o addirittura andare in testa coda nei casi più estremi. Se invece sterzate e basta la macchina si sbilancerà solo su un asse e resterà quindi più stabile. Risultato? Eviterete l’ostacolo in tutta sicurezza!

– SOTTOSTERZO

Cosa fareste nel caso vi trovaste ad affrontare una curva che risulta più “difficile” di quello che vi era sembrato, che è “scivolosa” perchè piove o perchè c’è qualcosa per terra e nel caso foste un po’ troppo lanciati? La risposta corretta non è frenare ma semplicemente ridurre la velocità alleggerendo il piede sull’acceleratore. Il motivo è più o meno come quello di prima, dell’evitamento ostacolo.

sottostrezo

Proviamo. In questo caso mi trovo ad affrontare, apposta,  una rotonda con sfondo scivoloso, arrivo, sempre apposta, con velocità troppo elevata e mi rendo conto che andrei a finire fuori strada, nel caso reale contro il guardrail o contro un albero o qualcosa di simile. E così è infatti. Freno, ma non serve a niente. Vado contro il povero birillo lì posizionato. Riprovo quindi, seguendo le dritte del mio istruttore ed ecco che, appena sento che il didietro della macchina sta per andare dove gli pare, lascio leggermente l’acceleratore e l’auto si rimette in posizione, seguendo la traiettoria giusta. Faccio un bel po’ di giri di rotonda di fila per sperimentare al meglio questa “magia” sconosciuta. Provo anche dall’altro lato. Funziona anche di qui!

– SOVRASTERZO

Forse la più difficile ma al contempo la più divertente!!

sovrasterzo

Immaginate di essere in montagna e di stare per affrontare un tornante, quindi ovviamente a volecità ridotta, ma vi trovate il suolo scivoloso.. ecco, se non avete i controlli della macchina accesi vi troverete a girare su voi stessi e fare dei bellissimi testa-coda come una ballerila che fa le piroette. In situazioni realti diciamo che è quasi impossibile e di fatti con i controlli accesi l’auto ha una buonissima tenuta. Mi vengono fatte provare entrambe le situazioni e la differenza è enorme.

Ma veniamo alla parte difficile. Spegniamo i controlli elettronici e imbocchiamo questo tornante. Cosa mi è successo? A me in realtà niente, sono ancora viva e vegeta, però un bel po’ di testa-coda lì ho fatti, uno pure completo! La parte difficile sta nell’imparare a gestire e controllare l’auto in casi come questi e farla andare lungo la traiettoria da voi stabilita. Dopo vari giri ecco la mia BMW inizia a stare al mio volere e pian piano riesco a controsterzare e rimetterela diritta diritta, come se non fosse successo nulla. Beh, so’ soddisfazioni!

Il trucco? Fissare un punto fisso lungo la traiettoria che volete seguire!

– SKID CAR – SIMULAZIONE DI FONDO GHIACCIATO + SMS

Alla postazione della Skid Car si simula il fondo ghiacciato e quindi quanto la macchina vada per conto suo. Il carrellino infatti solleva le gomme, in questo caso posteriori, per simulare la scarsa aderenza. Salgo in macchina e.. AIUTOOO!!! non faccio in tempo a lasciare la frizione e accelerare che l’auto già fa di testa propria! Però che divertimento! Giro come una pazza furiosa il volante a destra e a sinistra stando ben attenta di non toccare nessun birillo.

guida sicura misano ania

Qui inoltre facciamo una sorta di esperimento educativo. Mi viene richiesto infatti, con auto normale senza skid, di fare il percorso in minor tempo possibile. Lo faccio e vengo cronometrata. Ora mi viene chiesto di rifarlo prendendo però in mano il telefono e mandando un sms con scritto “causa traffico sono in ritardo di 10 minuti”. Vengo cronometrata di nuovo. Ora, io sono un caso umano e con me la cosa non ha funzionato, anzi è fallita miseramente in quanto ci ho impiegato 1 secondo in meno col telefono che senza ma, normalmente, ci si mette di più. Questo per far capire che se si è intenti a fare altro alla guida, oltre ai seri pericoli in cui si va incontro, non si guadagna tempo e tanto vale accostare, mandare il messaggio e ripartire. Ed in effetti con tutti gli altri ha funzionato dimostrando e sensibilizzando i presenti sull’uso del telefono alla guida.

La nostra giornata di Guida Sicura si conclude con la consegna delle SD con le nostre riprese e degli attestati di partecipazione, che valgono anche per avere degli sconti sull’assicurazione auto.

attestato guida sicura


Partecipare a questo corso è veramente utile, sia per i più esperti che per quelli meno abili. Chiunque può imparare cose nuove, anche chi ha già la patente da qualche anno. Non si smette mai di imparare e visto che è pure gratutito non c’è alcun motivo per cui non si debba provare. Io con 6 anni di esperienza ho scoperto cose che mai avrei pensato e scoperto anche altre cose che mi erano state dette a scuola guida che in realtà non risultano essere del tutto vere. Fosse per me, renderei questo corsi obbligatorio per tutti i neopatenti, magari dopo un paio di anni di esperinza su strada. Si impara dai propri errori e si migiora. E si sa mai che un giorno non possa servire.

INFO CORSO GUIDA SICURA

– Quando: I corsi Guida Sicura indetti dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale insieme al portale di Neopatenti e in collaborazione con la scuola GuidarePilotare e il Circuito di Misano Adriatico hanno la durata di una giornata dalle ore8.15 alle 17.30 circa.

Per ora sono previste varie giornate a Novembre ( 11,12,13, 23, 24, 25, 30) e Dicembre (1, 2, 10, 11, 15, 16) 2015.

– Costi: Come già inticipato sono gratuiti per i neopatentati (quindi età al di sotto dei 26 anni inclusi) ed iscritti al www.neopatentati.it. A carico dei partecipanti sono i costi del viaggio, del pranzo e dell’eventuale soggiorno.

– Dove: al Wordl Circuit di Misano Adriatico presso la scuola GuidarePilotare

– Info: per qualsiasi altra informazione: tel. 800.433.466 o email info@neopatentati.it


 

Cosa aspettate? iscriveti al sito e prenotate la vostra giornata di Guida Sicura a Misano! Non ve ne pentirete!

Aspetto i vostri pareri!

logo macchina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*