KOH SAMUI: alla scoperta dell’isola Thailandese

IMG_2812

KOH SAMUI

  • Giorno 10

per vedere l’itinerario completo ed altre informazioni utili sul tour:

TOUR THAILANDIA ’14: Informazioni Generali


Come accennato nel post precedente, siamo sbarcati a Koh Samui in questo nostro decimo giorno di soggiorno thailandese. Prendiamo uno dei soliti taxi appostati tatticamente ai punti d’approdo dei turisti e con 200 bath (5€) a persona ci facciamo portare al nostro hotel a sud-est dell’isola, sulla spiaggia di Lamai, Rich Resort Beachside Hotel,(vedi su Booking), 2 notti 990 bath (circa 23€) a camera doppia.

 
L’hotel, nonostante sia categorizzato come 1 stella è molto carino con camere spaziosissime, pulite con aria condizionata, ventilatore, tv e frigorifero. Si trova ad 1 passo dalla spiaggia. Basta infatti solo attraversare la strada e ci si trova allo Swing Bar, fidelizzato con l’hotel, che si trova direttamente sulla spiaggia e offre lettini, ombrelloni e wifi gratuita. In più, percorrendo un 200 metri a piedi si arriva sulla strada principale di lamai ricca di negozi, centri massaggi, ristoranti ecc.

 

Trascorriamo la giornata in spiaggia e prenotiamo il nostro Safari di domani sul sito del Namuang Safari Park, http://www.namuangsafarisamui.com/. Scegliamo un’opzione di mezzagiornata, il “4in1 Adventure Trip” che potete trovare qui: http://www.namuangsafarisamui.com/4in1_adventure_trip.html, al costo di 1400 bath in promozione (33€) a persona.
 
Ceniamo allo swing bar e andiamo a dormire presto.

  • Giorno 11

IT’S SAFARI DAY!!!!

Sveglia abbastanza presto, colazione mega abbondante allo swing bar. Non ricordo il nome, è qualcosa tipo “mega breakfast”. In sostanza si paga un prezzo fisso e si possono scegliere tipo 6 cose da bere e mangiare dal menu della colazione.. una figata insomma!

Trascorriamo la mattinata in spiaggia qui a Lamai poi pranzo e alle 13 ci viene a prendere il pick-up Namuang e ci porta al parco Safari che vi ho nominato e linkato poco fa.



La prima delle 4 avventure è il trekking sull’elefante. Mezz’ora seduti sulla schiena del pachiderma più grande del mondo.

 


Dopo una lenta camminata e tantissime foto è ora di scendere e di dirigerci alla postazione della partenza dei quad, la nostra seconda avventura.
Dopo un giro di ricognizione si parte per mezz’ora tra sentieri sterrati.


Terminata la gita sui quad saliamo sul mega pick-up e ci facciamo portare alla Zip Line, la nostra terza avventura. In pratica si tratta dei cosidetti “percorsi sugli alberi”. Una volta indossata l’imbracatura ci si arrampica sugli alberi e si passa dall’uno all’altro attraverso ponti tibetani, discese con carrucola ecc. Per i più coraggiosi ci si può anche lanciare con la carrucola a testa in giù con le braccia aperte. Un colpo di adrelina!!

Giunti coi piedi per terra sani e salvi il nostro”jeeppone” ci porta alla quarta e ultima avventura, le Cascate di Namuang, dove ci soffermiamo per un tuffo e un bagno rinfrescante.
Alla fine il pick-up ci riporta in hotel.

 

Facciamo un salto in spiaggia fino all’ora di cena, poi doccia e andiamo insieme a Diego (il mio istruttore di sub che ho avuto alle maldive qualche anno fa e che ora si trova a samui) al mercatino di Lamai dove ceniamo tra i vari banchetti. Dopo cena e dopo avere visto tutto ci prendiamo un cocktail e ci fermiamo in spiaggia a parlare dopodichè ci facciamo riaccompagnare da Diego in hotel, lo salutiamo e andiamo a dormire.

  • Giorno 12
Sveglia prestissimo per me oggi. E’ la mattinata delle immersioni a Sail Rock!
Forse uno dei siti più famosi e ambiti della zona, Sail Rock, è una roccia che si trova così a caso in mezzo al mare rta Koh Panghan e Koh Tao, e che ospita intorno a se una vastissima varietà di pesci.
Ci soffermiamo qua tutta la mattina per fare 2 immersioni e poi tornare a Samui.
 
 
 
Nel frattempo in hotel, Luca, il mio moroso, ha fatto il check-out, ha lasciato le valigie in reception e si è recato in spiaggia.
 
Per l’ora di pranzo lo raggiungo in spiaggia e pranziamo di nuovo allo swing bar; pomeriggio in spiaggia..
 
..e poi vado finalmente a fare il tanto atteso tatuaggio, uno Sak Yant, come quello di Angelina Jolie per intenderci.
 
 
Dopo il tatuaggio ci cambiamo e ci facciamo portare dalla navetta dell’hotel in aeroporto dove, fatto il check-in e imbarcate le valigie, ci soffermiamo a comprare delle cartoline e delle calamite ricordo e ci rechiamo al Gate. Qua potete trovare un buffet gratuito con pizzette, muffins, tramezzini, pop corn, iced coffee and chocolate, succhi ecc, wifi e pc gratuiti e tanti comodissimi divanetti e pouffes (non sono sicura si scriva così).
 
Il volo della Bangkok Airways, pagato circa 100€ a persona online sul sito ufficiale, ci riporta a Bangkok. Qui pernottiamo al Sinsuvarn Airport Suite Hotel per 15€ in due, a soli 5 minuti di macchina dall’aeroporto, di modo da essere vicini per la partenza di domani mattina
 
 
 
  • Giorno 13
Sveglia presto anche oggi, si torna a casa!
Prendiamo le nostre valigie, facciamo il check-out e ci facciamo portare dalla navetta gratuita in aeroporto dove prendiamo il volo per Mosca e poi quello per Milano.
 
beh che dire, sono stati 13 giorni molto intensi, per un certo verso anche parecchio stancanti e poco rilassanti considerando le varie corse, i tempi d’attesa dei catamarani o degli aerei, le ore di volo, il dover fare e disfare le valigie più e più volte o anche la camminata suicida al point of wiev…però ne è valsa davvero la pena. Sia per un proprio arricchimento culturale (di certo non mi immaginavo minimamente che fossero così avanzanti tecnologicamente parlando quasi da superare noi in alcuni ambiti) quindi scoprire una nuova cultura, nuovi paesaggi e stili di vita, sia per la bella esperienza e la bellezza delle cose e dei luoghi visti e visitati. Poi, diciamocelo schiettamente, 1350€ a persona per fare 2 settimane a 10 ore di volo da casa, dove solo il volo principale e quello interno sono costati 1850€, è un sogno… anzi abbiamo scoperto che è possibile e anzi si poteva spendere anche qualcosina in meno!
 
Consiglio: Se volete fare altro che non ho fatto io ho semplicemente volete avere più informazioni compratevi la guida della Lonely Planet. Su amanzon la trovate sempre scontata.
Per qualsiasi cosa, dubbio o domande, scrivetemi.!
 

One thought on “KOH SAMUI: alla scoperta dell’isola Thailandese

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*