PERCHE’ VISITARE LODI – PARTE 2: Monumenti e Architettura

copertinalodi2

Proseguiamo col tema “PERCHE’ VISITARE LODI”.

Nella prima parte abbiamo considerato gli aspetti storici della città e dei personaggi importanti ad essa legati.

1. LEGGI LA PRIMA PARTE: PERCHE’ VISITARE LODI – PARTE 1: Storia e Personaggi Illustri

3. LEGGI LA TERZA PARTE: PERCHE’ VISITARE LODI – PARTE 3: Natura e Prodotti Tipici

 

4. LEGGI LA QUARTA PARTE: PERCHE’ VISITARE LODI – PARTE 4: Eventi e Curiosità

 

Ma a Lodi c’è molto di più! Parliamo ora quindi di monumenti e di architettura.


 PARTE 2: Monumenti e Architettura

La prima cosa che mi viene in mente pensando a Lodi è la sua meravigliosa Piazza della Vittoria, che non è solo bella ma vanta anche di essere la piazza quadrata più grande d’Italia oltre che una delle pochissime piazze porticate su tutti e quattro i lati.

IMG_8059

Foto scatta da me durante le riprese del mio reportage "LODI: Città del Barbarossa" per le selezioni di Donnavventura 2013/2014
Foto scattata da me durante le riprese del mio reportage “LODI: Città del Barbarossa”, per le selezioni di Donnavventura 2013/2014, che potete trovare a fine articolo

La sua pianta quadrangolare è valorizzata dai importanti ed elegantissimi palazzi che vi si affacciano, tra di essi il palazzo municipale, palazzo Vistarini, il Palazzo della Banca Popolare di Lodi (prima banca popolare in italia) e il Duomo. Possiamo ricordare anche che rientra inoltre nella lista, stilata dal Touring Club italiano, delle piazze più belle d’Italia e anche è set per alcune pubblicità, l’ultima che io ricordi (anche se a mio pare veramente brutta) è quella di Pittarosso e quella della nuova gamma Speziati di Sanbitter.

IMG_8075

IMG_8144
Palazzo Vistarini (sinistra) e il Palazzo della Banca Popolare di Lodi (destra)

 

Sulla piazza si affaccia il Duomo di Lodi (la Basilica Cattedrale della Vergine Assunta). E’ ovviamente la chiesa principale in cui ha sede vescovile la diocesi di Lodi. Progettata già dalla fondazione del 1158, la Basilica è il monumento più vecchio della città e una delle chiese più grandi della Lombardia. Presenta uno stile romanico con protiro gotico sorretto da due colonne che terminano sulla schiena di due leoni in pietra. Il Duomo di Lodi presenta varie curiosità molto interessati: il campanile, ad esempio, fu progettato da Callisto Piazza; all’interno del Duomo sono presenti varie opere d’arte degne di nota come un mosaico di Aligi Sassu, La Strage degli Innocenti di Callisto Piazza, la Vergine Assunta e il Giudizio Universale entrambi di Alberto Piazza; all’ingresso della cipta, la parte più antica della Cattedrale, si trova un bassorilievo raffigurante l’Ultima Cena e al centro di essa si trova l’altare contenente le spoglie del nostro patrono San Bassiano. Una chicca è sicuramente il Cortile dei Canonici, la parte restante del chiostro realizzato da Giovanni Battagio nel 1484, un luogo quieto e suggestivo.

IMG_8077

IMG_8078

IMG_8081

Immagine23

Immagine21

Attaccato al Duomo, vi è Piazza Broletto con l’omonimo edificio, il Palazzo Municipale, ora sede del Comune. Interessante è la fontana a forma ottagonale in marmo rosa di Carrara che vi si trova al centro: si tratta della fonte battesimale del XIV secolo della cattedrale.

IMG_8087

A pochi metri dal Broletto si trova il Tempio Civico della Beata Vergine Incoronata, in Via Incoronata 25. E’ il gioiello della Città di Lodi, riconosciuto come uno dei massimi capolavori del Rinascimento in Lombardia. Progettato da Battagio, il tempio presenta una pianta ottagonale sormontata da una cupola e racchiude al suo interno molteplici opere d’arte dei Piazza, di Stefano Maria Legnani. Adiacente il Museo del Tesoro del Tempio dell’Incoronata con vari oggetti liturgici dell’omonimo tempio.

http://www.dolcelodi.it/foto/ns_storia/incoronata_gra.jpg

File:Incoronata-interior-dome.jpg

https://ilmemoriale.files.wordpress.com/2014/01/incoronata-lodi-roberto-rubiliani.jpg

File:Incoronata-organ.JPG

Immagine18

Un’altra chiesa degna di nota è San Francesco, in Piazza Ospitale, comunemente chiamata Piazza San Francesco. Costruita nella seconda metà del XIII da Antonio Fissiraga per i frati minori, presenta una costruzione monastica a croce latina con interessantissima bifora a cielo aperto. Al suo interno i sepolcri di molti lodigiani illustri tra cui la Poetessa Ada Negri e il Naturalista Agostino Bassi. Accanto, nel collegio San Francesco, c’è il Museo di Scienze Naturali composto da circa 6mila unità divisi in 5 categorie:  mineralogia e petrografia, malacologia, ornitologia, zoologia e paleontologia più un’area di reperti archeologici rinvenuti su territorio lodigiano e una collezione di 150 farfalle.

IMG_8109

IMG_8103

Dopo il Duomo, la Chiesa di San Lorenzo è la più antica della Città, essendo stata eretta nel 1159. In stile romanico con tre navate anch’essa conserva varie opere d’arte tra cui gli affreschi di Callisto Piazza e altri attribuiti al Fiammenghino.

IMG_8156

Gli Ex conventi di San Cristoforo e di San Domenico, in via Fanfulla, già nominati prima per essere il luogo in cui venne firmata la Pace di Lodi,  ora sede della Provincia di Lodi, sono due edifici molto suggestivi e caratteristici, con grandi e bellissimi cortili interni.

Immagine17

Immagine24

Palazzo Mozzanica, in stile rinascimentale e risalente al XV secolo, è il migliore esempio di dimora patrizia lodigiana e ospita bassorilievi, medaglioni estemmi oltre che ad un carinissimo cortile interno. Si ritiene sia dimora estiva dell’anno 1509 del Re Francesco I di Francia.

IMG_8126

IMG_8130

Vorrei nominare Palazzo Modignani-Pitoletti , in stile baroccoperchè ha ospitato in passato personaggi come Napoleone Bonaparte e Franz Joseph, imperatore austriaco.

Lodi PalazzoModignani.JPG

Da vedere è anche il nostro Teatro alle Vigne, originariamente una chiesa trasformato in teatro nel 1985

IMG_8097

Il Teatro alle Vigne

In stile più moderno, della seconda metà del Novecento è la Banca Popolare di Lodi, in posizione strategica vicino alla stazione e al centro. Progettato da Renzo Piano è un luogo innovativo, scelto anche come ambientazione per alcuni spot pubblicitari.

Ricordiamo inoltre il Ponte di Lodi ad archi ribassati, il Torrione di Lodi, la Chiesa di San Filippo, la Biblioteca Laudense e, in generale, altri palazzi che troverete passeggiando per le vie del centro. Vi basterà sbirciare attraverso i cancelli per vedere dei carinissimi cortili interni e sarete fortunati li troverete magari anche aperte, come è successo a me andando a fare le foto.

IMG_8088 IMG_8091 IMG_8125IMG_8162

IMG_8134

IMG_8129

IMG_8100

IMG_8102

Qui finisce la seconda parte.

Prossimamente in arrivo il terzo capitolo: Natura e Prodotti Tipici. Non perdetevelo!

ISCRIVETEVI ALLA NEWSLETTER per essere sempre aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli! Bastano un nome e una mail da inserire in questo form:

[wysija_form id=”1″]

 

Per chi invece si fosse perso il primo articolo sulla storia e i personaggi illustri di Lodi, può andare a leggerlo semplicemente cliccando QUI.

In ogni caso vi lascio ancora il mio reportage LODI: La Città del Barbarossa.

Buona lettura e Buona Visione!

guendalogo

4 thoughts on “PERCHE’ VISITARE LODI – PARTE 2: Monumenti e Architettura

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*