Krampus e San Nicola, la tradizione natalizia delle aree germaniche

krampus e san nicola

Come in alcune parti d’Italia i bambini attendono con ansia l’arrivo di Santa Lucia la notte tra il 12 e il 13 dicembre così anche in altre zone del nostro paese e d’europa altri bambini aspettano con gioia e forse anche un po’ di paura altri due personaggi delle feste natalizie: Krampus e San Nicola

La Tradizione:

Nella tradizione d’avvento di Austria, Ungheria, Svizzera, Slovenia, Slovacchia, Rep. Ceca e parte del Südtirol, del sud della Germania, del Liechtenstein e della Croazia, troviamo due figure contrastanti. Si tratta del Krampus e San Nicola. Quest’ultimo, Santo festeggiato nella giornata del 6 Dicembre, si reca in visita ai bambini più meritevoli la sera del 5 dicembre accompagnato da un essere diabolico e maligno, il Krampus, che viene a punire i più cattivi.

krampus e san nicola

Mentre San Nicola porta dei piccoli doni ai bimbi più bravi, il Krampus ha il compito di punire quelli che invece non si sono comportati bene durante l’anno. Per l’occasione nei supermercati vengono venduti anche cioccolatini con la forma di questi due personaggi e sacchettini in carta rossi nei quali poter mettere i doni!

E così, eccoli, questi due personaggi della tradizione natalizia così opposti tra loro che insieme premiano e puniscono le azioni dei più piccoli: Krampus e San Nicola.

San Nicola:

L’usanza vuole che questo Santo della tradizione Cristiana ma anche pagana (si dice che sia lui il vero Babbo Natale, o meglio conosciuto come Santa Klaus), festeggiato nella giornata del 6 Dicembre, si rechi il 5 sera presso le case dei bambini con il suo lungo mantello rosso, un bastone oro ricurvo all’estremità, la folta barba bianca ed un grosso libro. Tra le sue pagine egli legge i nomi dei bimbi ed i commenti relativi al loro comportamento durante l’anno che sta per concludersi e a seconda se questi siano positivi o meno porta loro dei piccoli doni, accompagnati generalmente da arachidi ed arance o mandarini. Nel caso in cui invece il bambino risultasse essersi comportato male allora il turno passa al suo crudele accompagnatore: il Krampus.

Il Krampus:

Figura diabolica, dal manto ispido che va dal grigio topo al nero pece, una lunga coda, occhi rosso sangue, una lingua lunga ed appuntita e con delle lunghe corna, se ne va in giro facendo baccano con una catena spessa, un campanaccio, una frusta ed un sacco di iuta. E’ proprio quel tipo di personaggio che i bambini non vorrebbero mai incontrare ed invece, ecco che si presenta insieme a San Nicola a casa dei più disobbedienti per punirli, portare del carbone o addirittura rapirli chiudendoli nel suo grosso sacco.

La Leggenda:

Non è un caso che queste due figure compaiano insieme ma anzi, la loro unione è spiegata da una leggenda. Si direbbe infatti che che tanti ma tanti anni fa, quando il cibo scarseggiava e il freddo incombeva sopra i paesini montani, i ragazzi di alcuni villaggi si travestivano con piume, pellicce e corna e, non potendo essere riconosciuti, terrorizzavano e derubavano gli altri abitanti. Questa terribile usanza proseguì fino a che i ragazzi non si accorsero che tra di loro c’era una figura strana, ancora più malvagia di loro, che al posto dei piedi e delle scarpe aveva degli zoccoli. Si trattava del diavolo vero e porprio che approfittando dei travestimenti dei ragazzi identici al suo vero aspetto si era confuso tra di loro e si divertiva a terrorizzare gli altri abitanti. Così questi ragazzi, smascherato il diavolo, chiesero aiuto al vescovo Nicola per esorcizzare il demonio e liberarsi di questa presenza maligna. Da questo episodio in avanti i ragazzi continuarono ogni anno a trasvestirsi con piume, pellicce e corna, ma non più per derubare gli altri abitanti del villaggio ma bensì per sfilare tra i villaggi insieme al vescovo Nicola per punire i bambini “cattivi”.

Le Sfilate Oggi:

Photo credit: www.salzburger-bergadvent.at

Questa tradizione della sfilata, o Krampuslauf, è presente tutt’oggi in varie zone dell’italia nord-orientale e in quelle citate all’inizio dell’articolo. Qui, oltre a presentarsi a casa di ogni singolo bambino, i due personaggi si esibiscono quindi in sfilati per le vie delle città e dei paesini. San Nicola è generalmente trainato su di un carro e dispendia doni ai bimbi meritevoli o carbone, non quello dolce che porta la befana, ai più cattivi. I Krampus invece corrono liberi e violenti per le strade, scuotendo le catene e le fruste e facendo risuonare i campanacci, cercando di spaventare i passanti.

E’ un’evento molto particolare e suggestivo a cui assistere.

In italia potete trovare tra le sfilate più conosciute quelle di Merano, Bressanone, Dobbiaco, della Val di Fassa e del Tarvisio, mentre negli altri stati potrete trovarle un po’ ovunque.

 

 

guendastravels avatar

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*